Dieta per la pancreatite

dieta per pancreatite

L'infiammazione del pancreas, o pancreatite, è un disastro completo per l'intero tratto digestivo.

Il pancreas produce ormoni (insulina, glucacagone, lipocaina), enzimi necessari per la normale digestione e digestione di proteine, grassi e carboidrati e ioni bicarbonato che neutralizzano la secrezione acida dello stomaco.

La pancreatite si divide in acuta e cronica, ma in ogni caso è necessaria l'adesione a una dieta per questa malattia.

Principi generali della dieta

Il compito della dieta nella pancreatite è il risparmio meccanico, chimico e termico del tratto gastrointestinale. Cioè, osservando il tavolo di trattamento per l'infiammazione del pancreas, si ottiene il suo normale funzionamento, la protezione dello stomaco e dell'intestino da prodotti alimentari aggressivi, una diminuzione dell'attivazione della cistifellea e la prevenzione delle malattie del fegato.

La tabella di trattamento per la pancreatite secondo la classificazione di Pevzner è la tabella numero 5p. La tabella numero 5p è leggermente diversa dalla tabella numero 5, che è prescritta per le malattie del fegato, ma ha anche una serie di restrizioni dietetiche simili.

La dieta per la pancreatite dovrebbe essere nutriente, contenere una maggiore quantità di proteine, ma una ridotta quantità di grassi e carboidrati (in particolare zucchero) per evitare che il fegato degeneri in epatosi grassa e lo sviluppo del diabete mellito.

La quantità giornaliera di nutrienti essenziali nella tabella dietetica per la pancreatite:

  • proteine: 100-120 gr. (di cui il 65% sono animali);
  • Grassi
  • : 80-100 gr. (di cui il 15-20% vegetale);
  • carboidrati: 300-350 gr. (zucchero non più di 30-40 gr. )
  • sale da tavola 6-10 gr. (il cibo dovrebbe essere poco salato);
  • liquido libero 1, 5 - 2 litri.

Il valore energetico della dieta è di 2500 - 2600 kcal.

Principi generali della dieta per la pancreatite

Lavorazione meccanica degli alimenti

In caso di pancreatite acuta o esacerbazione della forma cronica, tutto il cibo deve essere schiacciato, bollito o cotto a vapore, il che garantisce il massimo risparmio di stomaco.

Modalità temperatura

Il cibo non dovrebbe essere servito né caldo né freddo. La temperatura ottimale del cibo è di 20-50 ° C.

Senso di proporzione

Con la pancreatite, è molto importante seguire la misura con il cibo. L'eccesso di cibo non è consentito, poiché ciò crea non solo un aumento del carico sul pancreas, ma anche sull'intero tratto digestivo nel suo insieme.

Numero di pasti

L'assunzione di cibo durante il giorno dovrebbe essere frazionata, fino a 5-6 volte al giorno. Non dovresti cercare di soddisfare la tua fame con una grande porzione di cibo in una volta, devi seguire il principio: "poco è meglio, ma spesso". Ciò faciliterà il lavoro del pancreas, il cibo verrà assorbito meglio e il dolore dopo aver mangiato praticamente scomparirà.

Abbandonare le cattive abitudini

Il consumo di alcol è pericoloso non solo per lo sviluppo di alcolismo, ma nella pancreatite le bevande alcoliche provocano la formazione di "accumuli" proteici - placche nei dotti pancreatici, che li ostruiscono, interrompono il deflusso della secrezione ghiandolare nel duodeno, aggravando così il processo infiammatorio nell'organo e provocandoper migliorare l'auto-digestione.

La nicotina, a sua volta, impedisce la produzione di enzimi che disintossicano l'acetaldeide (questa sostanza si forma durante la degradazione dell'alcol nel corpo, provoca l'infiammazione del pancreas).

Prodotti vietati

Con la pancreatite, dovresti rifiutare cibi che stimolano la produzione di succo gastrico e, di conseguenza, la secrezione del pancreas. Cioè, la produzione di enzimi pancreatici supera significativamente la loro necessità per il tratto digestivo nel suo insieme, e quindi, nella pancreatite, gli enzimi in eccesso vengono spesi per la digestione del pancreas stesso.

Per ridurre la quantità di enzimi sintetizzati e alleviare l'infiammazione degli organi, è necessario abbandonare una serie di prodotti:

regole nutrizionali per la pancreatite
  • Zuppe.Le zuppe cotte in brodi di carne, funghi e pesce, complesse (zuppa di cavolo, borscht, zuppa di sottaceti), latticini, fredde (okroshka, zuppa di barbabietole) sono vietate.
  • Pane.Frumento o segale fresco, pasta sfoglia e prodotti di pasticceria, tortillas, torte fritte.
  • Carne.Carni grasse (maiale, agnello) e pollame (anatra, oca), salsicce, fegato, reni e cervello, carni affumicate e cibo in scatola.
  • Pesce.Pesce grasso, salato e affumicato, fritto, cibo in scatola.
  • Latte e prodotti a base di acido lattico.Dei prodotti a base di acido lattico, dovresti abbandonare quelli che hanno un'alta percentuale di grassi: panna acida, tipi di formaggio grasso, salato e piccante.
  • Cereali.Divieto di orzo perlato, miglio, mais e cereali di frumento, poiché si trovano a lungo nello stomaco e nell'intestino, stimolando la produzione di succo pancreatico.
  • Uova.Fritto e sodo.
  • Verdure.Cavolo, melanzane, ravanelli, rapa, ravanelli, aglio e spinaci, peperone.
  • Dolci.Cioccolato, frutta e bacche crude non lavorate (datteri, uva, fichi, banane), gelato, marmellata.
  • Spezie.Peperoni neri e rossi, coriandolo, rafano, salsa di pomodoro piccante, aceto e altro ancora.
  • Bevande.Caffè, cacao, tè forte, bevande gassate dolci, succo d'uva.
  • Grassi.Tutti i grassi refrattari (maiale, manzo, grasso di agnello), grasso di coda, grasso d'orso e altri.

Prodotti approvati

Gli alimenti raccomandati per la pancreatite dovrebbero facilitare al massimo il lavoro del pancreas, ridurre la quantità di enzimi da esso sintetizzati, evacuare rapidamente dallo stomaco e dall'intestino tenue e non causare flatulenza, che provoca dolore addominale già esistente.

Inoltre, per facilitare la sintesi degli enzimi nel pancreas che contengono proteine, il cibo dovrebbe essere digeribile e ricco di proteine.

Elenco prodotti consentiti:

  • Pane.Pane bianco secco o di ieri, biscotti secchi non zuccherati, cracker.
  • Zuppe.Le zuppe dovrebbero essere vegetariane, con verdure passate (carote, zucca, zucchine, patate), pasta, semolino o farina d'avena.
  • Carne.Varietà a basso contenuto di grassi (manzo senza film e tendini, vitello), pollo bianco, tacchino, coniglio. La carne deve essere bollita e preferibilmente frullata (soufflé, cotolette al vapore, gnocchi), manzo alla Stroganoff.
  • Pesce.Varietà a basso contenuto di grassi (merluzzo, merluzzo, carpa) bollite o tritate, gelatina.
  • Cereali.Grano saraceno (passato), farina d'avena, semolino, porridge di riso in acqua con latte 50/50, budini e casseruole con cereali, ricotta.
  • Latte e prodotti a base di latte fermentato.Latte magro, fiocchi di latte non acidi e magri, yogurt, kefir, latte cagliato non più del 2% di grassi, formaggi non salati e magri.
  • Uova.Omelette, al vapore di albumi, 1 tuorlo una volta alla settimana.
  • Verdure.Patate, carote, zucchine, barbabietole, cavolfiori, zucca, piselli.
  • Dolci.È meglio sostituire lo zucchero con lo xilitolo, utilizzare solo varietà mature e non acide di frutta e bacche, facendo mousse, gelatine, budini, composte (tutto in forma di purè), mele al forno da loro.
  • Spezie e salse.Latticini o salse su brodo vegetale diluito, quando viene aggiunta la farina, non vengono saltati.
  • Grassi.Burro (non più di 30 grammi al giorno), olio vegetale raffinato (10-15 grammi), aggiungere oli ai piatti pronti.
  • Bevande.Tè leggermente preparato con limone, acqua minerale naturale, decotto di rosa canina, succhi, metà diluito con acqua.

Dieta per pancreatite acuta

brodo di rosa canina per pancreatite

Nei primi giorni di malattia, quando si manifesta la sindrome del dolore, è necessario aderire al principio: "fame, freddo e calma". Cioè, tutto il cibo è escluso, una borsa dell'acqua calda con ghiaccio sullo stomaco, il paziente deve mantenere la pace fisica ed emotiva.

È consentito bere acqua alcalina non gassata fino a 1, 5 - 2 litri al giorno. Da 3 a 4 giorni, nel menu vengono introdotti decotti viscidi, tè non zuccherato e decotto di rosa canina, porridge liquido bollito. Per 5-6 giorni sono consentiti frittata proteica, grano saraceno o farina d'avena grattugiata, alcuni cracker, verdure bollite, pasti fino a 6 volte al giorno in piccole porzioni.

A poco a poco vengono introdotti nel menu budini, mousse, stufati, succhi diluiti. Con l'abbattimento del periodo acuto, passano al lettino n. 5p.

Necessità dietetica

La dieta nella pancreatite ha lo scopo di massimizzare il risparmio pancreatico, ridurre l'infiammazione nella ghiandola, fermare un attacco doloroso e prevenire lo sviluppo di possibili complicanze.

Inoltre, la dieta normalizza la produzione di enzimi digestivi, blocca da sola il "mangiare" del pancreas, preserva l'integrità della mucosa intestinale, limita l'assunzione di sostanze tossiche nel corpo e normalizza il funzionamento del tratto gastrointestinale nel suo complesso.

Conseguenze del mancato rispetto della dieta

In caso di mancato rispetto della dieta nella pancreatite acuta o esacerbazione della pancreatite cronica, si verificano le seguenti complicanze:

  • ittero (a causa del deflusso alterato della bile);
  • sanguinamento nel tratto digerente (ulcere gastriche, vene varicose dell'esofago, sindrome di Mallory-Weiss);
  • ipertensione epatica portale;
  • trombosi della vena porta o splenica;
  • pleurite;
  • danno al duodeno (ostruzione);
  • tumore maligno del pancreas;
  • diabete mellito;
  • danno cerebrale (encefalopatia).
11.09.2020